Petizione, 1113/2014, presentata da Emilio Nuzzolese, cittadino italiano, sulla necessità di armonizzare le procedure di identificazione umana nell'Unione europea

Status: Archiviata
 

Dati della petizione

Titolo della sintesi: Petizione, 1113/2014, presentata da Emilio Nuzzolese, cittadino italiano, sulla necessità di armonizzare le procedure di identificazione umana nell'Unione europea

Numero di petizione: 1113/2014

Temi : Giustizia

Paese: Unione europea

Dati del firmatario

Nome: European Parliament

 

Verbale della riunione di commissione

  • Nessun elemento
 

Sintesi della petizione

Il firmatario sostiene che le attuali pratiche divergenti sull'identificazione dei resti umani determina inefficienza e ritardo nelle procedure di identificazione. Mentre, secondo gli standard dell'Interpol, per identificare i resti umani si dovrebbero usare accuratamente DNA, impronte digitali e dati dentali, le valutazioni dentali sono in realtà spesso trascurate in quanto ci si concentra solitamente sulla causa del decesso. A causa dell'incompletezza dei dati, potrebbe essere necessario riesumare i resti per identificare la persona e molti (870 in Italia) restano non identificati. Il firmatario, pertanto, sostiene che un approccio armonizzato a livello dell'UE sull'identificazione umana, seguendo il lavoro della commissione Interpol sull'identificazione delle vittime di disastri, dovrebbe comprendere un'autopsia dentaria obbligatoria. Propone anche che i dati post-mortem siano registrati per consentire il confronto e l'abbinamento in casi transfrontalieri.